La spiaggia

di Luca De Bei
con Maria Paiato
regia Maurizio Panici
Produzione Coop. Argot

“… Mai sentito un monologo così struggente sull’amore filiale come La spiaggia di Luca De Bei al teatro Argot. Mai vista un’attrice altrettanto delicata e persuasiva come Maria Paiato, protagonista imprescindibile. Mai costatato un uguale efficace garbo in una regia di Maurizio Panici e mai avvertito un tale profumo di slanci, una simile grazia di toni e un’identica vena evocatrice in tema di famiglia con genitori scissi e a proposito di uomini non affidabili, non loquaci, non presenti … un’interprete che commuove ed è memorabile ….”

Rodolfo Di Giammarco – La Repubblica
“…Abituati alla forza del cinema ci pare spesso che l’emozione a teatro sia ormai cosa praticamente sparita. Poi capita di vedere uno spettacolo come questo e si scopre che se lo specifico del teatro, la parola e la recitazione, viene usato nel modo giusto e in maniera alta, c’è molta più forza e coinvolgimento che davanti a qualsiasi schermo”

Paolo Petroni – Corriere della Sera

” La scrittura consapevole e ammaliante di De Bei riesce a immettere la schiettezza quotidiana degli eventi in un clima interiore di poetica verità … un’intera vita scorre davanti agli occhi attenti e spesso commossi del pubblico che si lascia volentieri sedurre dall’impatto emotivo scatenato dall’uso sapiente di una parola che è sempre contenuto …”

Tiberia De Matteis – Il Tempo

” … La voce, il corpo della Paiato sbriciolano emozioni che invadono lo spazio della scena seguendo un montaggio quasi cinematografico. La regia sobria di Maurizio Panici scandisce infatti i diversi quadri della vicenda con giochi di luce e dissolvenze che danno l’idea di un tempo ‘altro’ dove le note di Keith Jarrett risuonano come soffi dell’anima. Irene balla, Irene tace, Irene (si)commuove”

Laura Novelli – Il Giornale

Premio Flaiano 2001 per la migliore interpretazione

Debutti o alcuni dei teatri più importanti delle tournées

ROMA, Argot Studio maggio 2001

spiaggia spiaggia2